La produzione geniale

Il piano dell’opera è il seguente: quattro libri firmati Elena Ferrante pubblicati tra il 2011 ed il 2014, audiolibri con la voce di  Anna Buonaiuto usciti lo scorso anno, quattro stagioni tv. Produzione ancora in corso iniziata nell’ottobre del 2017 dall’americana HBO con diversi altri partners italiani, presumibilmente 4 stagioni da 8 episodi da 40 minuti a stagione (fonte Wikipedia n.d.r.). Una genialata. Ho letto i primi due libri, poi mi sono annoiato, ho visto i primi otto episodi nell’edizione americana, lingua originale con sottotitoli in inglese/americano.  La prima stagione è appena andata in onda sulla ammiraglia della RAI Radiotelevisione Italiana, con qualche settimana di ritardo rispetto gli Stati Uniti.

Tutti a Roma

Sabato prossimo, 1° dicembre, trascorrerò la mia giornata a Roma, al teatro Italia in via Bari, dalle ore 10. Ci andrò con un po’ di amici, la macchina fotografica e la speranza di riuscire a vivere e catturare un attimo di storia. Sabato, al teatro Italia, ci sarà in incontro di teste, anime, idee e, spero vivamente, cuori che desiderano disegnare un futuro diverso per il governo dell’Italia. Promotore e capitano dell’iniziativa  #oltrelediseguaglianze – per una nuova coalizione dei popoli, è il signor sindaco della città di Napoli. È venuto il momento dell’unità delle forze che vogliono finalmente attuare in pieno la Costituzione e, quindi, è giunta l’ora della costruzione

I crimini della Rowling

Nessuno spoiler, se volete continuate a leggere tranquillamente, anche se non siete andati ancora al cinema a vedere i Crimini di Grindelwald Sul grande schermo Star Wars sta tristemente finendo, schiacciato dal suo stesso peso al punto che suoi spin-off sono decisamente meglio degli episodi della narrazione principale. Altre saghe cinematografiche tipo signori degli anelli o ritorni dal futuro sono morte e sepolte nei cofanetti delle edizioni blu-ray. Forse i pirati dei Caraibi hanno ancora qualcosa da dire ma molto forse. I supereroi Marvel tengono botta ma sono anche loro in una fase molto delicata, aspettiamo tutti con ansia il seguito di Infinity Wars con la consapevolezza che il rischio

Caro Facebook ti saluto

Caro Facebook ti saluto. Qualche giorno fa mi sono reso conto che sono dieci anni che ci frequentiamo, dieci anni che ti dico cosa penso, che metto mi piace e condivido, che ti regalo le mie fotografie, la mia musica le mie passioni. Dieci anni che mi metti in contatto con altre persone, dieci anni che mi rendi tracciabile, dieci anni che raccogli dati, emozioni, ricordi, abitudini. Sono da sempre uno di quelli che, in ambito tecnologico, deve provare per primo le novità. Ora molto meno ma da ragazzo ero un delirio. Tutto iniziò alla fine degli anni ’80 con uno Z80, poi il primo 80386, il 486 e, nel