Tu sì ‘na cosa grande (#49 jam in Capri)

The Hudson Lowe's DiariesUltime notizie da Capri, e pare che saranno le ultime. Oggi mi hanno inviato quest’ultima registrazione con un biglietto di saluti, dopo un lungo e rigido inverno, gli #49, partono e riprendono le loro strade.

La solita jam session, questa volta costruita su un classico della canzone napoletana moderna, l’indimenticata Tu sì ‘na cosa grande di Domenico Modugno. L’aria è quella delle grandi occasioni, si sente la presenza di molti musicisti. Probabilmente era l’occasione giusta per salutarsi prima di partire alla conquista della bella stagione.

L’introduzione è a carico del piano elettrico molto pop inglese anni ’80, si sente l’influenza di Paul Weller. Una chitarra classica espone il tema sottolineata dal contrappunto di una chitarra synth nell’inciso prende il sopravvento. Basso e batteria portano il tempo con energia accompagnati da un robusto organo Hammond che rende omaggio alla prima incisione del brano che vinse il festival di Napoli nel 1964 .

La jam è tutta a carico del tastierista (sembra che si tratti di Sandro Costagliola, noto fiancheggiatore della band) che lascia correre prima uno splendido solo di piano Rhodes per poi passare ad un moog che sembra avere ambizioni progressive anche se ricorda, giusto per rimanere in tema di musica italiana, le sonorità di Si, viaggiare.

Nel finale si ritorna sul tema ed il basso manda tutti a casa, salutando ed augurando a tutti una splendida estate.

Post simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.